Raccolta delle parole desuete

Ecco qui la famigerata raccolta! Si raccomanda precisione, pazienza e simpatia!

145 commenti su “Raccolta delle parole desuete

  1. stefaninzki ha detto:

    vetusto [ve-tù-sto] agg. lett.
    1 Molto antico, e perciò degno di venerazione: edifici v.; memorie v.
    2 Riferito a persona, molto vecchio

  2. stefaninzki ha detto:

    tignoso [ti-gnó-so] agg., s.
    • agg.
    1 med. Che ha la tigna
    2 fig. region. Di persona, avaro, spilorcio; pignolo
    3 fig. region. Caparbio, cocciuto

  3. corteo ha detto:

    misoneista [mi-so-ne-ì-sta] agg. e s.
    di persona assolutamente contraria ad ogni innovazione, cambiamento o novità

    • Loretta Ventura ha detto:

      Bellissima questa parola! Non sapevo che esistesse un vocabolo per indicare questo tipo di persone (tra le quali in verità a volte mi identifico anche io, lo ammetto).
      La farò mia.
      Loretta

      • hlder mirko adolf salvador rozzo ha detto:

        Si vede che non studiate più il latino e il greco come ho fatto io e questo ha prodotto una generazione di persone un bel po’ ignoranti

      • Icastico ha detto:

        simpatico mirko!
        La vostra generazione ha rovinato l’italia…fa un po te!

    • cristian ha detto:

      Signor Mirko, fortunatamente non tutti quelli che studiano greco e latino utilizzano la propria cultura per dare appellativi a persone di cui non sanno nulla; persone che probabilmente in campi diversi dal greco e dal latino potrebbero essere molto meno ignoranti di te

    • Luigi ha detto:

      Grazie per aver condiviso questa parola , è esattamente l’ aggettivo che non voglio assolutamente impersonare in nessun modo.

    • Lorenzo ha detto:

      C’è qualcuno di voi che lavora su i dizionari, potete inventare una parola che definisca una persona affetta da misandria? Per esempio per identificare uno affetto da misoginia c’è misogino per misandria non c’è niente, potete farlo scrivere su i dizionari italiani per favore?

      • Lorenzo ha detto:

        C’è qualcuno di voi che lavora su i dizionari, potete inventare una parola che definisca una persona affetta da misandria? Per esempio per identificare uno affetto da misoginia c’è misogino per misandria non c’è niente, potete scriverlo su i dizionari italiani per favore?

      • claudia ha detto:

        cincin! v. il miei due commenti del 14/12/2016

  4. corteo ha detto:

    prodromo [pro-drò-mo] s.m.
    Segno, indizio, circostanza che preannuncia qualcosa, generalmente sfavorevole.
    es. i prodromi di una malattia, di una crisi economica

  5. corteo ha detto:

    algido [àl-gi-do] agg.
    Freddo, glaciale, gelido.

  6. Mary ha detto:

    eristico [e-rìs-ti-co] agg.
    contenzioso, polemico, ingannevole.
    (deriva dalla generazione del sofismo, ossia l'”eristica”, l’uso della parola come mero strumento di confutazione indipendente dal valore degli argomenti, dal loro contenuto di verità.

  7. comez ha detto:

    dicotomia [di-co-to-mia] s.f.

    divisione in due parti

    • Carlo Quattrocchi ha detto:

      A tal proposito, ritengo non si possa pretermettere di rammentare una piccola “gemma”, da me casualmente (e dolorosamente…) incontrata su un testo universitario di Filosofia del diritto (ometto per pietà l’autore) ove, nel delineare le ripartizioni storiche del diritto romano, veniva per l’appunto citata la “dicotomia gaiana”, e sin qui tutto bene. Il guaio nasceva quando, due righe dopo, veniva citata la… TRICOTOMIA ULPIANEA!!! Il povero Ulpiano si era dovuto tagliare i capelli, per ripartire il diritto fra ius naturale, ius civile e ius gentium… D’altronde, mentre scrivo questo post (scusate l’anglicismo), ho effettuato un semplice controllo su Google, digitando “dicotomia gaiana”, e proprio il primo link (pardon, collegamento) che ne risulta contiene anch’esso tal colossale castroneria… Mala tempora currunt!!!

      • serena ha detto:

        sul dizionario trovo tricotomia divisione in tre parti di un concetto o di un argomento.
        Tuttavia capisco lo sgomento.

      • Tommolò ha detto:

        Ma quanto te la tiri………….l’abbiamo capito che sei erudito non ti preoccupare… Ah, dopo pardon hai dimenticato di scrivere scusate il francesismo… Ma parla come mangi!!!!!!!!!!

      • Tommolò ha detto:

        Bello mio, se non impari un po’ di capacità di sintesi, ora che chiedi dov’è il bagno ti sei già bello che cagato addosso

      • salvy ha detto:

        Caro Carlo, attento a quel che dici! La tricotomia non e’ altro che nella logica filosofica, il procedimento per cui un concetto viene diviso non in due concetti più particolari (come nella dicotomia), bensì in tre! Tutto qui. Le castronerie non sono male dei nostri tempi, ma tu che sei uno pseudo erudito non l’hai ancora capito… Pensa bene e apri i Quattrocchi!

  8. comez ha detto:

    auspicare [auspi’kare] v.tr e intr.

    prender gli auspici, augurare; desiderare vivamente

  9. comez ha detto:

    ignavo [i-gnà-vo] agg., s.

    agg.: che è indolente, privo di virtù, di forza morale
    s.m.: (f. -va) Nel sign. dell’agg.

  10. corteo ha detto:

    veruno [ve-rù-no] agg., pron. infefinito
    qualcuno, alcuno

  11. soccida [ sòc-ci-da ] Sostantivo

    soccida f (pl: soccide)

    1. contratto agrario di tipo associativo relativo all’allevamento del bestiame. A seconda del tipo di soccida, il socio soccidante concede bestiame al soccidario che presta l’opera; costui a titolo di pagamento condividerà gli utili delle attività connesse.

    2. accomandita di bestiame
    * soccida semplice: il soccidante fornisce il bestiame e il soccidario si occupa del suo allevamento. Il soccidante è direttore d’impresa
    * soccida parziaria: entrambe le parti forniscono bestiame, ma il soccidario si occuperà anche dell’allevamento. Il soccidante è direttore d’impresa se fornisce una certa quota di bestiame
    * soccida con conferimento di pascolo: il soccidante fornisce il pascolo e il soccidario il bestiame. Il soccidario è direttore d’impresa.

    anticamente soccita, deriva dal latino societas

  12. Pietro ha detto:

    -stolido [ stò-li-do ] aggettivo. Di chi dimostra scarsa intelligenza o prontezza.
    -solipsista [ so-li-psi-sta ] sostantivo, maschile e femminile. Chi aderisce alla filosofia del solipsismo e, per estensione, chi dimostra atteggiamenti di egocentrismo e soggettivismo estremi
    -subitaneo [ sù-bi-ta-neo ] aggettivo. Improvviso, immediato, repentino, inatteso.
    -disamina [ di-sà-mi-na] sostantivo femminile. Esame attento e preciso

  13. culaccino [cu-lac-cì-no]
    Sostantivo

    culaccino m (pl: culaccini)

    1. le estremità del salame, della salsiccia o del pane
    2. fondo di bicchiere
    3. traccia lasciata da un secchio bagnato o da un recipiente simile nel punto in cui è stato appoggiato

    diminutivo di culaccio

  14. comez ha detto:

    alterco [al-tèr-co] s.m. (pl. -chi)

    Violento scontro verbale

  15. comez ha detto:

    duttile [dùt-ti-le] agg

    1 Con riferimento a metallo, che può essere facilmente ridotto in lamine o fili sottili senza rompersi (p.e. l’oro, l’argento, il rame ecc.)

    2 lett. Flessuoso, agile

    3 fig. Che si modifica a seconda delle necessità e delle circostanze

  16. Liuck ha detto:

    Ananasso [a-na-nas-so] sost., s.
    L’Ananas, chiamato in italiano anche Ananasso, è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Bromeliaceae.

  17. corteo ha detto:

    orpello [or-pèl-lo] sost., m.
    – ornamento inutile ed eccessivo
    – propriamente: similoro, lamine adoperate come ornamento

  18. Pietro ha detto:

    abbacinare [ab-ba-ci-nà-re], v. trans.
    -accecare
    -fig. ingannare
    sacripante [sa-cri-pàn-te] sost., m.
    -uomo grande e grosso
    -briccone
    probo [prò-bo] agg.
    -onesto

  19. corteo ha detto:

    opimo [o-pì-mo], agg.
    – lett. Grasso, pingue
    – generic. Copioso, abbondante

  20. comez ha detto:

    astrùso [a-stù-so], agg.

    che è difficile a capirsi e complicato

  21. Pietro ha detto:

    Pleonastico [ple-o-nà-sti-co], agg.
    -superfluo, ridondante
    Pletorico [ple-tò-ri-co] agg.
    -fig. più numeroso del necessario, eccessivo

  22. corteo ha detto:

    alea [à-le-a] sost. femm.
    – rischio
    – caso, sorte

  23. corteo ha detto:

    sciamannato [scia-man-nà-to] agg.
    -sciatto, disordinato

  24. Pietro ha detto:

    Preconizzare [pre-co-niz-zà-re] v. trans.
    – annunciare solennemente
    – predire, profetizzare

    Inanità [i-na-ni-tà] sost. fem.
    – inutilità, vacuità

    Segaligno [se-ga-lì-gno] agg.
    -magro e asciutto, e per questo robusto e sano

  25. Juan ha detto:

    favellare [fa-vel-là-re] v.intr. (aus. avere; favèllo ecc.) [sogg-v] lett.
    • Parlare; raccontare, narrare

  26. quietanza [qui-e-tàn-za]
    o quetanza, ant. quitànza
    s.f.
    Documento rilasciato dal creditore al debitore in cui si dichiara di avere riscosso la somma dovuta: chiedere, rilasciare la q.
    ‖ Dichiarazione di avvenuto pagamento: firmare per q.
    La quietanza deve essere rilasciata in forma scritta: atto pubblico o scrittura privata. Altrimenti sarebbe frustrata la finalità certificativa della stessa. La dottrina ritiene sia sufficiente la provenienza della quietanza dal creditore, anche se non firmata dallo stesso.

    Piccola chicca: Art. 1199. codice civile
    Diritto dei debitore alla quietanza:
    Il creditore che riceve il pagamento deve, a richiesta e a spese del debitore, rilasciare quietanza e farne annotazione sul titolo, se questo non è restituito al debitore.

  27. corteo ha detto:

    facondia [fa-còn-dia] s.f.
    -Facilità di parola, scioltezza ed eleganza d’espressione

  28. Corteo ha detto:

    atavico agg.
    [a-tà-vi-co]
    – Che deriva dai più lontani progenitori: istinti atavici

  29. Corteo ha detto:

    contumelia s.f. (pl. -lie)
    [con-tu-mè-lia]
    -lett. Grave ingiuria, insulto, villania: dire, lanciare contumelie a, contro qualcuno; coprire qualcuno di contumelie

  30. roby ha detto:

    uopo s.m
    [uò-po]
    Bisogno, necessità. es: è d’uopo=è opportuno, è necessario.

  31. stefaninzki ha detto:

    giungere verb.
    giungiamo ora a Verona….

    penso che questo tipo di verbi stiano cadendo miseramente in disuso soppiantati da, per esempio, un uso esagerato di “arrivare”

    • salvy ha detto:

      Sono pienamente in sintonia col fatto che il verbo “giungere” sia desueto, peccato! Sono arrivato e’ troppo comunemente usato. Suona male ma e’ comunque corretto….

  32. clangore
    [clan-gó-re]

    nome maschile rumore molto forte, specialmente di metallo: Esempio: clangore di campane, di armi.

  33. malmostoso
    [mal-mo-stó-so]

    Sostantivo
    (pl: malmostosi) (f: malmostosa) (f pl: malmostose)
    persona scontrosa, scorbutica

  34. Corteo ha detto:

    anfratto s.m.
    [an-fràt-to]

    Luogo stretto, intricato, tortuoso.

  35. Corteo ha detto:

    bugigattolo s.m.
    [bu-gi-gàt-to-lo]

    Piccolo stanzino, ripostiglio.

  36. Corteo ha detto:

    alloglotto s.m.
    [al-lo-glòt-to]

    Di persona o cosa che parla o documenta in uno stesso territorio una lingua diversa dalla maggioranza.

  37. Centellinare
    v. tr.
    [cen-tel-li-nà-re]
    (centellìno)

    Esempio esplicativo pratico, che unisce l’utero al dilettevole: Bere a centellini assaporando, gustando: c. un boccale di birra rossa artigianale in stile Märzen; c. bicchiere di vino rosso avente tonalità dal porpora al rubino fino al granato e all’aranciato.

  38. Corteo ha detto:

    Escatologico
    agg.
    [e-sca-to-lò-gi-co]

    Relativo al destino ultimo dell’uomo, dell’umanità e dell’universo

  39. stefaninzki ha detto:

    Panzana [pan-zà-na] s.f.
    Fandonia, frottola, bugia: tutte panzane!; dire, raccontare panzane

  40. Corteo ha detto:

    Pantagruelico
    [pan-ta-gru-è-li-co]
    agg.

    Insaziabile, straordinariamente abbondante

  41. ringalluzzire [rin-gal-luz-zì-re] v. (ringalluzzisco, ringalluzzisci ecc.)
    • v.tr. [sogg-v-arg] Far diventare qlcu. vivace e allegro come un galletto
    • v.intr. (aus. essere) [sogg-v] Diventare più sicuro di sé, più baldanzoso
    ringalluzzirsi
    • v.rifl. [sogg-v] Acquistare baldanza

    sec. XVI

  42. Corteo ha detto:

    scapicollarsi
    [sca-pi-col-làr-si]
    v. riflessivo

    – buttarsi a rompicollo (per una discesa)
    – accorrere affannosamente
    – affannarsi a fare qualcosa

  43. Corteo ha detto:

    Pletora [plè-to-ra]
    sost. f.

    – Eccesso, sovrabbondanza

  44. Corteo ha detto:

    Apodittico [a-po-dìt-ti-co]
    agg.

    – che è evidente in sé, che non abbisogna di alcuna dimostrazione

  45. Corteo ha detto:

    abboccamento [ab-boc-ca-mén-to]
    s.m.
    Colloquio tra due o più persone per prendere accordi, discutere, trattare affari.

  46. Corteo ha detto:

    periplo [pè-ri-plo]
    s.m.
    Navigazione attorno ad un territorio, circumnavigazione

  47. donatella d,ambrosi ha detto:

    finalmente un sito per gli amanti delle parole desuete ossia per gli amanti del bel parlare grazie ho trovato alcune parole che non conoscevo così ho potuto ampliare il mio vocabolario

  48. Luca ha detto:

    Asfittico

    Che è in stato di asfissia: il neonato era a.

    2 fig. Poco rigoglioso, poco vitale SIN angusto, limitato: piantine a.

    • avv. asfitticamente, in modo angusto, penoso

    • sec. XVIII

  49. Aliprando ha detto:

    solipsista [so-li-psis-ta]

    egocentrico, chi nega ogni esistenza al di fuori della propria, tutto quello che l’individuo percepisce viene creato dalla propria coscienza

  50. stefaninzki ha detto:

    mendace [men-da-ce] Aggettivo (pl: mendaci): chi è bugiardo; omettente il vero, chi è mosso da animo insincero, ambiguo, ingannevole; di cosa falsa.

  51. perentòrio
    pe | ren | tò | rio

    aggettivo
    [dal lat. tardo peremptorius, der. di perimĕre «distruggere, annientare», part. pass. peremptus].

    1. Che non ammette dilazioni: termine p., nel linguaggio giur. e amministr., il termine temporale la cui decorrenza dà luogo a una decadenza assoluta, non sanabile in alcun modo, di un diritto o di una facoltà (per es., il termine stabilito dalla legge per l’impugnazione delle sentenze, oppure il termine stabilito da un bando di concorso per la presentazione delle domande di partecipazione, ecc.).

    2. estens. Che non ammette replica, obiezione o discussione: affermazione, domanda, risposta p.; i suoi ordini erano precisi e perentorî; le necessità p. e inderogabili del vivere quotidiano; per estens., che denota autorità, energia e decisione: parlò con tono p.; fui colpito da quella voce perentoria. Avv. perentoriaménte, in modo perentorio, con tono perentorio: il bando di concorso stabilisce perentoriamente il termine per la presentazione delle domande; respinse perentoriamente ogni proposta di accordo; gli dissi perentoriamente di andarsene.

    Pronuncia
    IPA: /peren’tɔrjo/

  52. amarena ha detto:

    ubbia:

    [ub-bì-a] s.f.

    -Preconcetto ingiustificato o superstizioso (Coletti).

    -Idea priva di fondamento, che dà preoccupazione o avversione ingiustificata; scrupolo infondato, pregiudizio: ha mille ubbie per la testa (Gabrielli).

  53. altro ha detto:

    è mendace chi non apprezza
    ed è perentorio diffonderlo
    occorre modificare il nostro asfittico parlare
    un perentorio grido di allarme

  54. Maria Carla ha detto:

    misirizzi

    [mi-si-rìz-zi] s.m. inv.
    Giocattolo a forma di pupazzo, che se toccato oscilla ma non cade mai, perché ha la base sferica riempita di piombo e la parte superiore più leggera.

    Altre definizioni:

    Piccolo pupazzo con la parte inferiore del corpo costituita da una semisfera riempita di piombo, in modo che, in qualunque posizione venga collocato, può tornare rapidamente a drizzarsi. (Sabatini Colletti)

    Balocco, per lo più a forma di pupazzetto, con una base di piombo tondeggiante che gli consente di tornare sempre nella posizione verticale, comunque venga posto. (Gabrielli)

    Giocattolo a forma di figurina (soldatino, ometto generalmente dai tratti buffi), con la parte inferiore del corpo costituita da una semisfera riempita di piombo in modo da risultare notevolmente più pesante del resto: qualunque sia la posizione in cui si colloca, la figurina, lasciata libera, torna in posizione verticale. (Treccani)

  55. giulia ha detto:

    sparagnino [spa-ra-gnì-no]

    tirchio, taccagno, persona con un’eccessiva tendenza al risparmio

  56. caduco

    Aggettivo
    ca | dù | co

    che è destinato a cadere
    mal caduco: epilessia
    (senso figurato) labile, fugace, precario, mortale
    (biologia) di organo o struttura animale o vegetale destinato a cadere, talvolta per essere sostituito

    IPA: /ka’duko/

  57. sedrock ha detto:

    1. Abbacone: Persona con la propensione a fantasticare.
    2. Abballinare: Ravvolgere il materasso per dare aria al letto.
    3. Abbambinare: Trasportare grosse e lunghe pietre, smuovendole dal suolo ora per dritto, ora a destra, ora a sinistra.
    4. Abbarcare: Ammassare fieno, paglia o legna.
    5. Abburattare: Setacciare la farina col buratto (sorta di setaccio) per separarla dalla crusca/Esaminare, discutere/Malmenare, scuotere.
    6. Abburattarsi: Dimenarsi.
    7. Anodìno: Che mitiga il dolore/Inoffensivo = sin. Lenitivo
    8. Borro: Luogo scosceso ed incavato, o grande fosso, dove l’acqua scorre in tempo di pioggia/Piccolo torrente
    9. Bùcine: Rete per l’uccellagione/Imbroglio.
    10. Burbanza: Alterigia vanitosa.
    11. Buzzurro: Abitante di zone montuose che scende a valle in inverno per vendere castagne, marroni, pasticcini, dolci ed altri prodotti tipici dei suoi luoghi d’origine/Uomo zotico
    12. Conquidere: Abbattere, ridurre a mal partito/Vincere/Conquistare il cuore, gli animi = agg. e p.p. Conquiso

  58. gatti giovanni ha detto:

    privativa:
    – così una volta erano chiamati i tabaccai
    – privilegio concesso dallo Stato ai rivenditori di merci di monopolio

  59. Pietro ha detto:

    Begolardo [be-go-làr-do]
    s.m.

    chi parla a vanvera, millantatore, sbruffone

  60. Corteo ha detto:

    Lacerto [la-cèr-to]
    s. m.

    – brandello di carne, muscolo
    – fig. frammento, brano, spezzone

  61. sedrock ha detto:

    ABBALLARE: Fare balle di fieno o paglia
    ABBARBAGLIARE: L’azione di luce vivissima che produce tremolio alle palpebre, impedendo la vista
    ABBORRACCIARE: Affastellare/Fare in fretta e male un lavoro letterario
    ALBAGìA: Pomposa vanità = sin. ALTERIGIA
    ALBAGIOSO: Che ha albagìa = sin. ALTERO/ALTEZZOSO
    BORDAGLIA: Quantità di gente abietta = sin. GENTAGLIA
    BROLO: Terreno coltivato a verdura o ad alberi da frutta/Orto
    BROSCIA: Brodaglia
    BùCINE: Rete per l’uccellagione/Imbroglio
    CERVISIA: Birra/anche CERVOGIA
    CICA: Nulla/”Non saper cica” – “Non capir cica”
    CONCREZIONE: Riunione di più parti attorno ad un nucleo, per formare un corpo solo = sin. INDURIMENTO
    ENNEADE: Insieme di nove persone o cose

  62. Michele ha detto:

    forbito [for-bì-to] agg.
    • Elegante, accurato; anche eccessivamente lezioso, detto spec. del linguaggio: usare un vocabolario particolarmente f.
    • Anche in funzione di avv.: parlar f.
    • sec. XVI

  63. glande puffo ha detto:

    Perdìcoli
    (ed anche Perdìna e Perdìnci)

    Eufemismo di Per Dio (ant. fr. perdieu, sp. pardios, pardiez) ritenuta esperessione irriverente verso la divinità, onde anche i Francesi la trasformarono in parbieu, mod. parbleu.

  64. Juan ha detto:

    prolisso, agg
    SF di persona pignola, esageratamente precisa nell’eseguire qualsiasi cosa, che tende ad ottenere un risultato perfetto e per conseguenza molto lenta

  65. Corteo ha detto:

    Sfasciume [sfa-sciù-me] s. m.
    – ammasso di cose sfasciate
    – sfacelo
    – persona sfiorita, sfatta

  66. Corteo ha detto:

    Rovello [ro-vèl-lo] s.m.
    – rodimento interiore, tormento ossessivo
    – rabbia, stizza

  67. Monk ha detto:

    zòilo (s.m): critico ostile e pedante o denigratore.
    Dallo storico greco del sec. IV a.C., celebre per aver scritto un’opera (in 9 volumi) di feroce critica nei confronti di Omero.

  68. frattanto (avv.)
    Nel frattempo, nel medesimo tempo. ~ intanto.
    Sinonimi: intanto, nel frattempo, nel mentre

  69. Antonio ha detto:

    Drudo (drù-do), Sostantivo maschile, per “amante”, non necessariamente usato in senso dispregiativo.

  70. Antonio ha detto:

    Guiderdone (gui-der do-ne) Sostantivo neutro, per “ricompensa” “regalo”

  71. helder mirko adolf salvador rozen ha detto:

    belle parole,belle parole.potrei aggiungere “prodigo”, nel senso negativo di spendaccione e buono, di generoso.”prodigo di consigli,ecc”.!companatico,che si mangia col pane, in quqnt.minore.”Viatico”, che serva di lume per la vita.In rumeno viata.Grazie miei cari, complimenti

  72. angelo ha detto:

    paralipomeni [parali’pɔmeni] sostantivo maschile plurale
    appendice contenente cose omesse in un’opera letteraria

  73. angelo ha detto:

    abigeato sostantivo maschile singolare
    Furto di bestiame

  74. Nicola ha detto:

    A me sinceramente sembra che il 90% delle parole che voi avete indicato come “desuete” sia in realtà ancora utilizzato, se non moltissimo, almeno ordinariamente. Per citarne una: chiunque abbia studiato un po’ di filosofia ha utilizzato la parola “solipsista”. O ancora: clangore viene utilizzato persino nei fumetti per bambini. Anche perché è l’unica parola italiana così adatta a descrivere quel tipo di suono(esiste anche l’onomatopeica CLANG, tanto per dire). O anche prodigo, prolisso, atavico, quietanza, caduco, lacerto, privativa… ma la cosa che più mi stupisce sono parole come frattanto o forbito.
    Se tutte queste parole sono davvero desuete come volete far credere(e non le avete scritte solo perché aprendo il dizionario a caso vi sembravano parole strane, o perché volete far credere che siano desuete solo perché voi non le utilizzate), allora la situazione è davvero triste…

    • angelo ha detto:

      Ho riformulato tutte le parole desuete dei commenti mettendole tutte in ordine alfabetico.
      http://ge.tt/9aaLUiJ?c
      Cliccate sul pulsante say thanks anche se riscontrate degli errori.

      • angelo ha detto:

        il link è sempre lo stesso, tuttavia ho aggiunto:
        -formato .doc
        -possibilità di chiedere aiuto e commentare
        -audiolibro delle parole desuete

        ringrazio le persone che hanno scaricato il vocabolario.

  75. Liuk ha detto:

    Ottima raccolta mi servirà molto per i miei 5 anni di scientifico 😀 F

  76. claudia ha detto:

    preclaro ‹pre·clà·ro› agg., lett.

    1. Che possiede doti o virtù in grado superlativo: uomo p.; un p. ingegno; opere p. ♦ arc. Illustre: l’anima preclara (Dante).

    2. arc. Straordinariamente luminoso: lucerna sì preclara (Iacopone da Todi).

    ETIMO Dal lat. praeclarus, der. di clarus ‘chiaro, splendente; nobile, illustre’, col pref. prae- di valore superlativo

    Buona sera. posto qualche parola incontrata durante le mie letture. Magari possono piacere anche a voi! La fonte delle entrate è il Devoto Oli 2010. buona lettura

    inopinato ‹i·no·pi·nà·to› agg., lett.

    ~ Che si presenta senza che vi sia stata alcuna possibilità di prevederlo: un caso i.

    ETIMO Dal lat. inopinatus, der. di opinatus, p. pass. di opinari ‘pensare’, col pref. in-1

    viatico ‹vi·à·ti·co› s.m. (pl. -ci)

    1. Nella Roma antica, l’insieme delle cose necessarie a chi si metteva in viaggio; anche, le spese pagate dallo stato ai magistrati che partivano per la provincia ♦ Nel Medioevo, il contributo che gli abitanti di un territorio dovevano all’esercito del feudatario in marcia.

    2. estens. Nel gergo dei giocatori di Montecarlo, indennità di ritorno concessa dalla direzione del Casinò ai giocatori che hanno perduto ogni loro avere ♦ fig. (lett.). Quanto può essere di aiuto, di conforto o di sostegno in un’impresa.

    3. Nel linguaggio liturgico, l’Eucaristia amministrata a casa o al letto d’ospedale ai fedeli infermi, in pericolo di vita (come alimento spirituale per affrontare l’estremo viaggio).

    ETIMO Dal lat. viatĭcum ‘provvista per il viaggio’, der. di via ‘via2, strada, viaggio’

    cogente ‹co·gèn·te› agg.

    ~ Che determina un obbligo inderogabile: norme c.

    ETIMO Dal lat. cogens -entis, p. pres. di cogĕre ‘costringere’

    DATA 1951.

    ecco il contesto: ”Nella normalità della vita politica la legge elettorale spetta alle forze politiche e del resto questo governo ha un’agenda abbastanza piena da non sentire cogente la necessità di occuparsi di questi temi”

    giulebbe ‹giu·lèb·be› s.m.

    ~ Bevanda di succo di frutta bollita con zucchero, usata anche come emolliente ♦ estens. Cibo o bevanda eccessivamente dolce ~ fig. Motivo di allettante inerzia o abbandono: vivere nel g.

    ETIMO Dall’arabo ǧulāb, persiano gulāb ‘acqua di rose’

    DATA prima del 1313

    lestofante ‹le·sto·fàn·te› s.m. e f.

    ~ Imbroglione (con una sfumatura accentuata di volgare o di losco).

    ETIMO Comp. di lesto e fante2, e cioè ‘garzone (troppo) lesto’

    DATA sec. XVII.

  77. claudia ha detto:

    anodino ‹a·no·dì·no o a·nò·di·no› agg.

    1. Di farmaco blandamente calmante o sedativo.

    2. fig. Insignificante, privo di chiarezza o d’efficacia: carattere a., risposta a.

    ETIMO Dal gr. anṓdynos ‘senza dolore’

    DATA prima del 1698

    ribaldo ‹ri·bàl·do› (arc. rubaldo) s.m.

    1. Chi vive di violenze e soprusi: una masnada di ribaldi; razza di ribaldi; è un r.; anche come agg.: non far caso dell’intimazione ribalda, né delle minacce, e fare il matrimonio, era un partito che non volle neppure mettere in deliberazione (Manzoni); talora per esprimere, con intonazione enfatica, un giudizio di biasimo su opere di cattiva fattura (che musica r.!) o, al contrario, un certo compiacimento per alcune forme di grintosa trasgressione (un giovane autore dalla scrittura r. e nervosa).

    2. Nel Medioevo, denominazione di soldati di vile condizione, abili nella rapina e nel saccheggio, e anche di quanti, più o meno inquadrati in un esercito, ne seguivano la marcia con gli stessi scopi; estens. (arc.), persona scellerata, dedita al gioco, alla rapina e ad altre attività criminose: Mia madre… Che m’avea generato d’un ribaldo, Distruggitor di sé e di sue cose (Dante); anche, uomo di bassa estrazione, briccone. • DIM. ribaldèllo. ACCR. ribaldóne. PEGG. ribaldàccio.

    ETIMO Dal fr. antico ribaud, der. di riber ‘comportarsi in modo dissoluto’, dall’alto ted. antico rīban ‘essere in calore’

    DATA sec. XIII.

    improvvido ‹im·pròv·vi·do› (arc. improvido) agg., lett.

    ~ Incapace di ammettere o considerare eventualità sfavorevoli: improvida D’un avvenir mal fido (Manzoni); imprevidente, sconsiderato: un consiglio i.

    ETIMO Dal lat. improvĭdus, der. di provĭdus ‘previdente’, col pref. in-1

    DATA 1300 ca.

    • Davide gotta ha detto:

      Ribaldo non mi sembra affatto che sia una parola desueta poichè si ritrova anche più volte nei fumetti di topolino

  78. angelo ha detto:

    heilà, che precisa! Appena avrò un po’ di tempo le aggiungerò al dizionario
    http://ge.tt/9aaLUiJ?c

  79. Davide gotta ha detto:

    Forse i fumetti di topolino contengono parole che potrebbero considerarsi desuete compare più volte la frase ” disgustosa ostentazione di plutocratica sicumera”

  80. Davide gotta ha detto:

    O l’ espressione ” me tapino” più volte ripetuta da paperone

  81. Davide gotta ha detto:

    Alea: grado d’incertezza

  82. Davide gotta ha detto:

    Sempre nei topolini si possono trovare altre parole come “indefesso” “anchilosato” “mammalucco” forse “misantropo” ” pusillanime” ” arzigogolato”

  83. angelo ha detto:

    eccomi qui! C’è voluto del tempo, ma finalmente ho aggiornato il kit delle parole desuete!
    Ora è al 100% online! Ecco dove trovarlo
    http://miglioratoreanswers.jimdo.com/curiosit%C3%A0/kit-parole-desuete/
    nell’aggiornamento dell’audiolibro ho riscontrato dei problemi, non preoccupatevi: verrà caricato il più presto possibile

  84. angelo ha detto:

    http://ge.tt/9aaLUiJ?c
    ho aggiunto le nuove parole.
    Secondo voi “increscioso” è una parola desueta?

  85. claudia ha detto:

    chiedo venia! eccone altre interessanti:

    RECRUDESCENZA ‹re·cru·de·scèn·za› s.f.

    1. Notevole aggravamento, ripresa preoccupante di un male fisico, morale o sociale, susseguente a una fase di stasi o di attenuazione: una r. della malattia, della criminalità.

    2. In botanica, il fenomeno teratologico per cui l’asse di un’infiorescenza origina nuovamente un asse fiorifero e fruttifero dopo la maturazione dei frutti.

    SUCCEDANEO ‹suc·ce·dà·ne·o› agg.

    1. Di materia o sostanza che può sostituirsi a un’altra in ordine a certe funzioni, seppure di qualità (e quindi di costo) inferiore: prodotto s. del chinino; come s.m., surrogato: i s. del caffè ♦ In economia, di bene che può sostituirsi a un altro nel consumo o nella produzione.

    2. In botanica, del legno, secondario.

    APOLOGETA ‹a·po·lo·gè·ta› s.m. e f. (pl.m. -i)

    ~ Autore di apologie ♦ estens. Esaltatore, difensore entusiasta.

  86. Alessandro ha detto:

    Emerodromo [e-me-rò-dro-mo] s.m.
    Nell’antica Grecia, chi compiva di corsa in un sol giorno grandi distanze per recare notizie

  87. Alessandro ha detto:

    Colluvie: flusso abbondante, ammasso d’immondezza, di materie putride. Più spesso fig., spreg., gran quantità: una c. di spropositi, d’ingiurie, d’improperî; una c. di gente d’ogni risma.

  88. Milo ha detto:

    ONUSTO: carico, oberato da un peso che ci si trascina appresso, sia esso un gravame concreto o una zavorra metaforica
    onusto d’anni, onusto di ricchezza

  89. Milo ha detto:

    orbaco s. m. [der. di orbacca] (pl. -chi). – Antico nome dell’alloro (Laurus nobilis), ancora in uso, con qualche variante region., in zone dell’Italia settentr. e della Toscana: Ecco l’orbaco: disse Dore, entrando Con un ramo d’alloro umido in mano (Pascoli).

  90. igor lucchiona ha detto:

    luculliano agg. [dal lat. Lucullianus]. – Abbondante, raffinato, succulento.
    (Dal nome del generale romano Lucio Licinio Lucullo, vissuto fra il 117 e il 56 a.C.)

  91. ZeroCube ha detto:

    Ciao, sono nuovo del blog.
    Che ve ne pare di queste due? le ho trovate citate insieme in un articolo di un vecchio professore di lingua italliana:

    SQUARQUOIO
    [squar-quò-io]
    agg. (pl. m. -quòi; f. -quòia, pl. -quòie)
    tosc. Molto vecchio, decrepito, cascante
    ‖ Rammollito, rimbambito

    che fa il paio con

    CASCATOIO
    [ca-sca-tó-io]
    agg. (pl. m. -tói; f. -tóia, pl. -tóie)
    1 non com. Debole, cadente
    ‖ Cascante, floscio

  92. ZeroCube ha detto:

    …e mi sovviene anche:

    SPULEZZARE
    [spu-leʒ-ʒà-re]
    o spuleggiare
    (spulézzo)
    v. intr. (aus. essere)
    Scappare, fuggire rapidamente; allontanarsi precipitosamente

  93. ZeroCube ha detto:

    …qual fiume in piena:

    GESTROSO
    [ge-stró-so]
    agg.
    tosc., pop. Lezioso, smorfioso

    SPILLUZZICARE
    [spil-luz-zi-cà-re]
    meno com. spelluzzicare
    (spillùzzico, -chi, spillùzzicano; spilluzzicànte; spilluzzicàto)
    v. tr.
    1 Fare piccoli assaggi di cibo, spizzicando qua e là, per inappetenza o per semplice ghiottoneria;
    2 fig. Prendere qua e là, appropriarsi un po’ per volta
    ‖ Raggranellare, racimolare: spilluzzica qualche soldo lavorando per questo o per quello

    CALIA
    [ca-lì-a]
    s.f. (pl. -lìe)
    1 Perdita di metallo, spec. prezioso, nel corso della lavorazione
    2 fig. Cosa di poco conto, di poco valore; inezia, bazzecola ‖ Anticaglia
    3 fig. Persona pignola e noiosa ‖ Persona malaticcia

    ora mi fermo un po’… 🙂

  94. miry ha detto:

    zurna: sost. femm. flauto turco. Lagna, piva, solfa

  95. Zupan FC ha detto:

    anelare [a-ne-là-re]
    • Avere il respiro affannoso, per lo sforzo o l’ansia SIN ansimare, ma soprattutto…
    • Aspirare, ambire a qlco.: a. alla promozione

  96. GubiAlb's ha detto:

    REBBIO (Dente della forchetta)

  97. Antonio ha detto:

    Edule (mangiabile – commestibile)
    Edace (vorace)
    Scrocchiazzeppi (persona magra e smunta)

  98. aulin666 ha detto:

    ESECRANDO = che suscita indignazione, riprovazione

    VILIPENDIO = disprezzo, disistima espressi con parole, scritti o atti gravemente offensivi

    GANGLIO = formazione anatomica di varia natura, forma e grandezza, disposta lungo il decorso di nervi encefalici, spinali e neurovegetativi

    SUSSIEGO = atteggiamento e contegno sostenuto e serioso che lascia intravedere, dietro la gravità dei modi, dei gesti e delle parole, una componente di altezzosità e di boria confortata da un sentimento di supposta superiorità

    GARGANTUESCO = di enorme dimensione

  99. Longobardo ha detto:

    Bellissima raccolta! Da ultimo non posso esimermi dal segnalarvi questa:

    SALAPUZIO
    salapùzio s. m. [dal lat. salaputium, voce di formazione incerta], letter. – Uomo piccolo di statura, che si rende ridicolo per l’atteggiamento saccente. È termine di uso raro, quasi soltanto come reminiscenza del noto verso di Catullo (LIII, 5): Di magni, salaputium disertum!, a proposito del poeta Licinio Calvo.

  100. Michigino ha detto:

    Schifiltoso[schi-fil-tó-so] agg., s.
    • agg. Di gusti difficili
    • s.m. (f. -sa) Persona troppo esigente: fare lo s.

    Cmq mirko rimane un coglione

  101. Roberto ha detto:

    Salve io aggiungo “sciabordare” Che significa agitare dei liquidi, scuotere…

  102. Fede ha detto:

    Guascóne [da Treccani]: s. m., fig.
    -Uomo millantatore, spaccone e spericolato (per la nomea di spacconi, anche simpaticamente avventati, che i Guasconi hanno in Francia): gli piace fare il g.; atti, atteggiamenti, pose da guascone [d´Artagnan].

  103. Alessandro ha detto:

    Uranismo: termine coniato dal giurista tedesco C. H. Ulrich alla fine dell’Ottocento per designare l’omosessualità maschile e, in particolare, la sua forma passiva, contrassegnata da una sessualità psichica orientata in senso femminile.

  104. Bovara ha detto:

    Bovaro:persona rozza/zalla/rude

  105. Federico ha detto:

    Misoginia [mi-so-gi-nì-a]
    Odio verso la donna.

    • claudia ha detto:

      sì, caro Federico, ma questo termine – purtroppo! – si usa ancora eccome! Singolare notare come esistano: misantropo = chi odia gli esseri umani (senza distinzione di sesso), misogino = chi odia le donne e misandro, da misandria = Il termine misandria (dal greco μισέω misèō, “odiare”, e ἀνήρ anḕr, “uomo”) indica un sentimento ed un conseguente atteggiamento di avversione ed ostilità nei confronti del genere maschile. Però, mentre è usuale definire “misogino” e “misantropo” coloro che provano i rispettivi odi, davvero poco usato è misandro… infatti sul post il correttore automatico me lo sottolinea in rosso…

      • claudia ha detto:

        insomma, esiste la misandria, ma non il misandro. Quindi diremo: persona che prova misandria, o affetto/a da misandria. Oggi è in uso anche misandrico. Qui mi vengono tutti diligentemente sottolineati in rosso, compresa la misandria, presente, per esempio, sul vicabolario Treccani online
        miṡandrìa s. f. [comp. di miso- e -andria]. – Avversione morbosa per il sesso maschile.

  106. Incignare: usare per la prima volta, inaugurare (dal greco antico enkainìzo). L’ho sentito usare in Toscana, soprattutto (ma non esclusivamente) in riferimento ad indumenti nuovi.

  107. Paride ha detto:

    Covriceffo___cappello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...