…Per la discussione…

]E se fossimo in procinto di sorpassare il sottilissimo confine tra onestà culturale / grammaticale verso una allucinazione da spirito di superiorità?!?…Bisognava che qualcuno ci va a parlare [Rieducational Channel – Corrado Guzzanti]!!! Parliamone…!

17 commenti su “…Per la discussione…

  1. stefaninzki ha detto:

    Ecco cosa ho trovato in rete.

    http://ilpensieroselvaggio.blogspot.com/2009/11/limpoverimento-del-linguaggio-e.html

    Penso possa essere un interessante stimolo di riflessione e discussione!

  2. corteo ha detto:

    Bell’articolo non c’è che dire!
    Le emozioni e le sensazioni abbisognano veramente di termini e aggettivi quanto più esatti possibili per cercare di condividerle a parole…

  3. Pietro ha detto:

    Complimenti per il sito! Ecco un altro spunto di discussione (o meglio alterco, visto il tema del blog!): ultimamente il Corriere della Sera ha affrontato spesso il tema della lingua, ed è nato un dibattito molto interessante!

    http://www.corriere.it/cultura/10_gennaio_13/cosi-degrada-la-nostra-lingua-cesare-segre_f86dbfb6-0015-11df-b35f-00144f02aabe.shtml

  4. comez ha detto:

    belli entrambi gli articoli!!
    il primo, più filosofico e sul quale ho bisogno di riflettere un attimo…se sono d’accordo con la parte riguardante il “mondo interiore”, non riesco completamente a capacitarmi di come sia possibile ridurre a poche parole anche la descrizione del mondo esterno…ma forse perchè, quando descriviamo un qualcosa che è a noi esterno (mi viene n mente il bosco citato nell’articolo), in realtà non siamo mai completamente oggettivi, e ci mettiamo sempre qualcosa di noi stessi!!
    il secondo, invece, molto più diretto sul quotidiano…e ricco di spunti che corro ad aggiungere nella raccolta!!

  5. Manuela Martini ha detto:

    La definizione del termine DUTTILE non è esatta: è duttile un metallo (come l’oro) che può essere ridotto in fili sottilissimi (non in lamine).
    Un metallo che può essere ridotto in lamine o fogli sottili si dice MALLEABILE

  6. Loretta Ventura ha detto:

    Posso aggiungere un vocabolo davvero desueto?
    MAGNANO
    ossia fabbro che lavora piccoli oggetti, come serrature e chiavi (detto anche CHIAVAIUOLO)

  7. sedrock ha detto:

    Sedrock ha ricercato, e trovato, sul vecchio vocabolario del nonno – edito nel 1942 – una serie di parole davvero desuete, il cui fascino è, a suo parere, indiscutibile. Di seguito ne elenca alcune che reputa abbiano una particolare armonia e musicalità:
    1. SALAPùZIO: persona di piccola statura.
    2. PRèDIO: proprietà rurale = agg.: prediale
    3. ABBACARE: fantasticare.
    4. ZINZINNARE: centellinare.
    5. ZOZZA: miscellanea di alcolici di diversa natura.
    6. BORRO: fosso profondo e scosceso/piccolo torrente.
    7. GHIRBA: otre di pelle animale.
    8. CARACCA: nave mercantile di grosso tonnellaggio.
    9. ABBRACCIABOSCHI: edera.
    10. MàCOLO: affranto.
    Sedrock attende commenti e si riserva di inserire nuove parole, nonchè di scrivere un racconto che le utilizzi.

  8. Antonio ha detto:

    Solo un piccolo commento: possono partecipare anche coloro che non sono iscritti nè si iscriveranno mai a Facebook ?

  9. Tommaso ha detto:

    Proporrei di aggiungere all’elenco delle parole desuete anche “informazione”, che ormai subisce l’invasione della contrazione estrema “info”, sia al singolare che al plurale… Non se ne legge più una, di “informazione/i” scritta per esteso! Sembra che si faccia fatica a tracciare 8 lettere in più.
    Grazie per l’attenzione.

    Tommaso Nencini – Firenze

  10. fj ha detto:

    arrangiamento

  11. giorgia ha detto:

    Mi piacerebbe avere scambi e delucidazioni sull’esatto significato e uso dei vocaboli. Ho trovato illuminante la spiegazione di Emanuela Martini per “duttile”. Ringrazio sedrock per il suo elenco di parole desuete, l’ho già consultato in più occasioni e continuo a farlo! Ho l’hobby della scrittura e le parole non mi bastano mai.

  12. Massimo Rosa ha detto:

    Mancorrente secondo te e’ desueto? Ha molta piu’ classe di corrimano, non trovi?

  13. gatti ha detto:

    Pletora:
    numerosissimo, ma si usa in senso dispregiativo

  14. Paride ha detto:

    Sarebbe da aggiungere covriceffo, che significa cappello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...